jump to navigation

Yahoo si avvicina a Google aprile 21, 2008

Posted by Federico Mancin in Mediastars.
Tags: , , , ,
add a comment

Nuova puntata dell’appassionante storia di Yahoo. Sembra alle porte un importante accordo economico tra Yahoo e Google per gli spazzi pubblicitari on-line. Questo potrebbe essere un passo cruciale anche all’internodella trattativa che Microsoft sta intrattenendo proprio con Yahoo (l’ultima offerta si aggira attorno ai 42 miliardi di dollari). Se da una parte la compagnia di Bill Gates non sembra mollare, dall’altra Yahoo potrebbe rafforzarsi ulteriormente con questa alleanza con Google. Stiamo a vedere cosa accadrà.

Alla prossima puntata!

Chi cerca…pianta! aprile 17, 2008

Posted by Federico Mancin in News, Riflessioni.
Tags: , , , , , , , ,
2 comments

Corriere.it ha pubblicato un articolo dedicato a Ecocho, un nuovo motore di ricerca “ecologico”, gli ideatori del quale promettono di piantare 2 alberi ogni mille ricerche effettuate. Nessuna fonte ha ancora specificato se si tratti di un progetto veritiero o semplicemente di una nuova forma di marketing (Yahoo e Google sono i marchi dei due motori di ricerca utilizzati da Ecocho), ma sicuramente si tratta di un’idea originale in grado di coinvolgere numerosi navigatori.

Tutto è nato in Australia, dall’analisi dell’elevatissimo numero di ricerche che vengono effettuate tramite internet, nel quotidiano.

Insomma, riuscirà Internet a fornire una pratica soluzione per l’ambiente?

Un alleato per Microsoft aprile 11, 2008

Posted by Federico Mancin in Mediastars.
Tags: , , , ,
add a comment

E’ di oggi la notizia che Rupert Murdoch potrebbe affiancare Bill Gates per acquistare Yahoo!. Sembrerebbe già pronta un’offerta superiore a quella precedente per convincere i vertici Yahoo! a vendere.

Imponente il piano degli acquirenti che affiancherebbero il motore Yahoo! a Msn e MySpace. Yahoo! sta cercando un modo per difendersi e mantenere la proprietà. Wall Street lascia trapelare che entro 2 settimane il caso dovrebbe risolversi.

Per lo meno entro la dead-line imposta da Microsoft, ovvero il 26 Aprile, dopo la quale la cosietà di Bill Gates minaccia di giocare al ribasso.